Chi siamo Dove siamo Contatti Homepage

Oggi è il giorno: 22/10/2019
Sono le ore: 02:00:12  
Homepage

Chi siamo
Dott. Faita Alessandro e Dott. Enrico Ongaro

Dove siamo

Modelli teorici di riferimento
Psicoterapia breve stategica
Milan Approach

Informazioni utili
Chi è lo psicologo?
Chi è lo psicoterapeuta?
Codice Deontologico
Interventi
Psicoterapie
Suggerimenti
Benessere

Gli ingredienti del benessere
Le ricette del benessere
Le risposte dello psicologo
Articoli e approfondimenti

Disturbi dell'età evolutiva
Mutismo selettivo

Problemi psicologici
Disturbi d'ansia
Disturbi dell'umore
Disturbi dell'alimentazione
Disturbi del sonno
Disturbi sessuali
Disturbi somatoformi
Disturbi dell'adattamento
Disturbi fittizi
Disturbi del controllo degli impulsi
Disturbi correlati all'uso di sostanze

Disturbi psichiatrici
Delirium
Disturbi della personalità
Disturbi dissociativi
Schizofrenia e altri disturbi psicotici

Progetto Studio Metis

Pubbblicazioni
Testi consigliati
Testi di psicologia per esperti
Testi di psicologia per tutti
Narrativa, saggi e altro

Approfondimenti

Contatti

Links
Possiamo paragonare il benessere a una torta.
Innanzitutto ci sono molti tipi di torta: grande o piccola, dolce o salata, secca o con crema ecc.; ogni torta ha ingredienti diversi in qualità e in quantità. Nessuno può dire qual è la torta migliore in assoluto, ognuno può scegliere la torta che preferisce ed ingegnarsi nella scelta degli ingredienti e nel modo di miscelarli per renderla sempre più buona.

Anche il nostro benessere può essere costruito nello stesso modo: scegliendo ingredienti sani, genuini e adatti, amalgamandoli insieme facendo attenzione agli abbinamenti e alla quantità, modellandoli in modo del tutto personale.
Per fare ciò è indispensabile diventare i "cuochi" del nostro benessere, raccogliere tutte le conoscenze di base, tenersi informati sulle novità, in modo da avere a disposizione gli ingredienti per preparare la nostra inimitabile e squisita torta.

Questa sezione si compone di quattro parti:
  1. Gli ingredienti del Benessere: vengono elencati gli ingredienti che possiamo usare per migliorare il nostro benessere; inoltre vengono individuate le possibili indicazioni e controindicazioni, i pro e i contro e i possibili utilizzi, a volte apparentemente scontati, altre volte sorprendentemente originali. Ognuno di noi, una volta conosciuti, potrà scegliere quali utilizzare e in che modo miscelarli.

  2. Le ricette del Benessere: verranno riportate le "ricette" personali, ossia i singolari modi in cui alcune persone hanno amalgamato gli ingredienti, quali risultati hanno raggiunto e quali consigli ci possono dare. Sono storie di vita del tutto personali che ci possono aiutare, con i loro esempi, a intraprendere il cammino che ci porterà a diventare i fautori del nostro benessere.

  3. Le risposte dello Psicologo: verranno riportate le risposte alle domande inviate dai lettori di questo sito e del periodico "Punto d'incontro".

  4. Articoli e approfondimenti vari: verranno riportati articoli, saggi, punti di vista, interviste ecc. riguardanti il Benessere in tutte le sue sfaccettature.

  5. Raggi di sole:

  6. Corso: Tendere verso il benessere:

Sono sani tutti coloro che non sono malati, oltre ad alcuni malati che non sanno di essere sani.
Sono malati tutti coloro che non si sentono sani, più alcuni sani che non sanno di essere malati.
(Giulio Maccacaro)

 
 
Follia e creazione.
Il caso clinico come esperienza letteraria
Pietro Barbetta
Come si presenta il caso, come si scrive, si racconta, come le memorie e le riflessioni autobiografiche, il confronto tra molteplici testimoni, tra diversi stili di scrittura e conversazione, assumono posizioni prospettiche differenti; queste le questioni chiave del libro. L'idea di caso non si limita al caso clinico; si tratta di ridisegnare la riflessione sull'evento (la contingenza) partendo dalla letteratura, immaginare alcune forme del racconto clinico diretto e indiretto per far emergere l'unicità preziosa, spesso dimenticata dalla foga esplicativa, dalla categorizzazione che cancella il singolare. Il libro si presenta anche come una critica radicale ai modi riduttivi del discorso clinico dominante nell'epoca post-moderna, neoliberale, al cinismo scientista nascosto dietro la tecnologia, che emerge nell'intertestualità di pratiche oppressive.