Chi siamo Dove siamo Contatti Homepage

Oggi è il giorno: 22/10/2019
Sono le ore: 01:59:42  
Homepage

Chi siamo
Dott. Faita Alessandro e Dott. Enrico Ongaro

Dove siamo

Modelli teorici di riferimento
Psicoterapia breve stategica
Milan Approach

Informazioni utili
Chi è lo psicologo?
Chi è lo psicoterapeuta?
Codice Deontologico
Interventi
Psicoterapie
Suggerimenti
Benessere

Gli ingredienti del benessere
Le ricette del benessere
Le risposte dello psicologo
Articoli e approfondimenti

Disturbi dell'età evolutiva
Mutismo selettivo

Problemi psicologici
Disturbi d'ansia
Disturbi dell'umore
Disturbi dell'alimentazione
Disturbi del sonno
Disturbi sessuali
Disturbi somatoformi
Disturbi dell'adattamento
Disturbi fittizi
Disturbi del controllo degli impulsi
Disturbi correlati all'uso di sostanze

Disturbi psichiatrici
Delirium
Disturbi della personalità
Disturbi dissociativi
Schizofrenia e altri disturbi psicotici

Progetto Studio Metis

Pubbblicazioni
Testi consigliati
Testi di psicologia per esperti
Testi di psicologia per tutti
Narrativa, saggi e altro

Approfondimenti

Contatti

Links
Cosa sono i Disturbi Somatoformi?
La caratteristica comune dei Disturbi Somatoformi è la presenza di sintomi fisici che fanno pensare ad una condizione medica generale, da cui il termine somatoforme, e che non sono invece giustificati da una condizione medica generale, dagli effetti diretti di una sostanza, o da un altro disturbo mentale (per es. il Disturbo di Panico).
I sintomi devono causare significativo disagio o menomazione nel funzionamento sociale, lavorativo, o in altre aree. A differenza dai Disturbi Fittizi e dalla Simulazione, i sintomi fisici non sono intenzionali (cioè sotto il controllo della volontà). I Disturbi Somatoformi differiscono dai Fattori Psicologici che influenzano le Condizioni Mediche per il fatto che non vi è nessuna condizione medica generale diagnosticabile a cui possano essere pienamente attribuibili i sintomi fisici. Il raggruppamento di questi disturbi in una unica sezione è basato sulla utilità clinica (cioè la necessità di escludere condizioni mediche generali occulte o eziologie legate all’effetto di sostanze per i sintomi fisici), piuttosto che su convinzioni riguardanti un meccanismo patogenetico o una eziologia comuni. Questi disturbi vengono spesso riscontrati nelle consultazioni mediche generali.

Quali sono i Disturbi Somatoformi?
I Disturbi Somatoformi sono:
Disturbo di Somatizzazione: (storicamente collegato all’Isteria o Sindrome di Briquet): è un disturbo polisintomatico che comincia prima dei 30 anni, che dura per più anni, e che è caratterizzato dalla associazione di dolore e sintomi gastro-intestinali, sessuali e pseudo-neurologici;
Disturbo Somatoforme Indifferenziato: è caratterizzato da lamentele fisiche non giustificate e dura almeno 6 mesi, ma non raggiunge la soglia per la diagnosi di Disturbo di Somatizzazione;
Disturbo di Conversione: comporta sintomi ingiustificati di deficit riguardanti le funzioni motorie volontarie e sensitive, i quali potrebbero suggerire una condizione neurologica o medica generale; fattori psicologici appaiono collegati con i sintomi o i deficit;
Disturbo Algico: è caratterizzato dal dolore come punto focale principale della alterazione clinica. Inoltre vi è motivo di ritenere che qualche fattore psicologico abbia un importante ruolo nell’esordio, gravità, esacerbazione o mantenimento;
Ipocondria: è la preoccupazione legata al timore di avere, oppure alla convinzione di avere una grave malattia, basata sulla erronea interpretazione di sintomi o funzioni corporee;
Disturbo di Dismorfismo Corporeo: è la preoccupazione riguardante un difetto presunto o sopravvalutato dell’aspetto fisico;
Disturbo Somatoforme Non Altrimenti Specificato: è stato incluso per registrare i disturbi con sintomi somatoformi che non incontrano i criteri per nessuno dei Disturbi Somatoformi specifici.

Caminante, son tus
Huellas
el camino, nada mas;
caminante, no hay
camino,
se hace camino al andar.
(A. Machado)

 
 
Follia e creazione.
Il caso clinico come esperienza letteraria
Pietro Barbetta
Come si presenta il caso, come si scrive, si racconta, come le memorie e le riflessioni autobiografiche, il confronto tra molteplici testimoni, tra diversi stili di scrittura e conversazione, assumono posizioni prospettiche differenti; queste le questioni chiave del libro. L'idea di caso non si limita al caso clinico; si tratta di ridisegnare la riflessione sull'evento (la contingenza) partendo dalla letteratura, immaginare alcune forme del racconto clinico diretto e indiretto per far emergere l'unicità preziosa, spesso dimenticata dalla foga esplicativa, dalla categorizzazione che cancella il singolare. Il libro si presenta anche come una critica radicale ai modi riduttivi del discorso clinico dominante nell'epoca post-moderna, neoliberale, al cinismo scientista nascosto dietro la tecnologia, che emerge nell'intertestualità di pratiche oppressive.