Chi siamo Dove siamo Contatti Homepage

Oggi è il giorno: 10/12/2018
Sono le ore: 22:04:35  
Homepage

Chi siamo
Dott. Faita Alessandro e Dott. Enrico Ongaro

Dove siamo

Modelli teorici di riferimento
Psicoterapia breve stategica
Milan Approach

Informazioni utili
Chi è lo psicologo?
Chi è lo psicoterapeuta?
Codice Deontologico
Interventi
Psicoterapie
Suggerimenti
Benessere

Gli ingredienti del benessere
Le ricette del benessere
Le risposte dello psicologo
Articoli e approfondimenti

Disturbi dell'età evolutiva
Mutismo selettivo

Problemi psicologici
Disturbi d'ansia
Disturbi dell'umore
Disturbi dell'alimentazione
Disturbi del sonno
Disturbi sessuali
Disturbi somatoformi
Disturbi dell'adattamento
Disturbi fittizi
Disturbi del controllo degli impulsi
Disturbi correlati all'uso di sostanze

Disturbi psichiatrici
Delirium
Disturbi della personalità
Disturbi dissociativi
Schizofrenia e altri disturbi psicotici

Progetto Studio Metis

Pubbblicazioni
Testi consigliati
Testi di psicologia per esperti
Testi di psicologia per tutti
Narrativa, saggi e altro

Approfondimenti

Contatti

Links
Il Dott. Alessandro Faita, Psicologo-Psicoterapeuta, si è laureato presso l'Università degli Studi di Padova ed ha conseguito la Specializzazione in Psicoterapia presso il Centro di Terapia Breve Strategica di Arezzo, diretto dal Dott. Giorgio Nardone.
L'Ordine degli Psicologi della Lombardia lo ha riconosciuto Esperto in Psicologia Scolastica e Psicologia delle Dipendenze.
Ha collaborato con numerosi Enti Territoriali (Provincia di Bergamo, Provincia di Brescia, Comunità Montane dell'Alto Sebino e del Sebino Bresciano, Comuni di Lovere e Provaglio d'Iseo), con le A.S.L. di Bergamo, Brescia e Bologna, con numerose Scuole e Centri di Formazione Professionale della provincia di Brescia e di Bergamo, con Associazioni e Cooperative Sociali.
Si occupa di supervisione, formazione, educazione sessuale, consulenza e psicoterapia su problematiche riguardanti l'età evolutiva e l'età adulta, prevenzione e consulenza su problemi derivanti dall'abuso di sostanze stupefacenti.
Svolge l'attività di Psicologo-Psicoterapeuta libero professionista presso lo Studio “Metis”, Via del Dosso, 16. Loc. Fantecolo - 25050 Provaglio d’Iseo (BS); tel.: 333 3322842 - email: alessandrofaita@libero.it



Il Dott. Enrico Ongaro, Psicologo e psicoterapeuta, si è laureato in Scienze e Tecniche Psicologiche delle Relazioni Interpersonali e Organizzazioni Sociali e successivamente ha conseguito la Laurea Specialistica in Psicologia Clinica presso l'Università degli Studi di Bergamo. Si è specializzato in Psicoterapia della famiglia presso la Scuola di Psicoterapia Sistemico Relazionale del Centro Milanese di Terapia della Famiglia sede di Milano. Ha collaborato con:
- Associazione Culturale Liberamente di Provaglio d'Iseo (BS), riguardo i corsi di promozione del Benessere Psicologico, Comunicazione Non Verbale e sulla Persuasione;
- ASL di Bergamo presso il Consultorio Familiare di Sarnico (BG).
Attualmente collabora con:
- Consultorio Familiare DIOCESANO di Brescia;
- Consultorio Familiare CIDAF della Fondazione Poliambulanza di Brescia, via Rodi; Viale Stazione e di Travagliato.
Si occupa di consulenza, sostegno e promozione del benessere in ambito psicologico così come di terapia famigliare, di coppia o del singolo.
Riceve a ISEO (BS), in Via Duomo, 52; oppure presso lo Studio "Metis", Via del Dosso, 16. Loc. Fantecolo - 25050 Provaglio d’Iseo (BS) - Tel. 329 2443617 - email: ongaro.e@gmail.com

Glauben Sie nicht, daß der, welcher Sie zu trösten versucht, mühelos unter den einfachen und stillen Worten lebt, die Ihnen manchmal wohltun. Sein Leben hat viel Mühsal und Traurigkeit und bleibt weit hinter Ihnen zurück. Wäre es aber anders, so hätte er jene Worte nie finden können.
(R. M. Rilke).

 
 
Follia e creazione.
Il caso clinico come esperienza letteraria
Pietro Barbetta
Come si presenta il caso, come si scrive, si racconta, come le memorie e le riflessioni autobiografiche, il confronto tra molteplici testimoni, tra diversi stili di scrittura e conversazione, assumono posizioni prospettiche differenti; queste le questioni chiave del libro. L'idea di caso non si limita al caso clinico; si tratta di ridisegnare la riflessione sull'evento (la contingenza) partendo dalla letteratura, immaginare alcune forme del racconto clinico diretto e indiretto per far emergere l'unicità preziosa, spesso dimenticata dalla foga esplicativa, dalla categorizzazione che cancella il singolare. Il libro si presenta anche come una critica radicale ai modi riduttivi del discorso clinico dominante nell'epoca post-moderna, neoliberale, al cinismo scientista nascosto dietro la tecnologia, che emerge nell'intertestualità di pratiche oppressive.