Chi siamo Dove siamo Contatti Homepage

Oggi è il giorno: 10/12/2018
Sono le ore: 22:04:20  
Homepage

Chi siamo
Dott. Faita Alessandro e Dott. Enrico Ongaro

Dove siamo

Modelli teorici di riferimento
Psicoterapia breve stategica
Milan Approach

Informazioni utili
Chi è lo psicologo?
Chi è lo psicoterapeuta?
Codice Deontologico
Interventi
Psicoterapie
Suggerimenti
Benessere

Gli ingredienti del benessere
Le ricette del benessere
Le risposte dello psicologo
Articoli e approfondimenti

Disturbi dell'età evolutiva
Mutismo selettivo

Problemi psicologici
Disturbi d'ansia
Disturbi dell'umore
Disturbi dell'alimentazione
Disturbi del sonno
Disturbi sessuali
Disturbi somatoformi
Disturbi dell'adattamento
Disturbi fittizi
Disturbi del controllo degli impulsi
Disturbi correlati all'uso di sostanze

Disturbi psichiatrici
Delirium
Disturbi della personalità
Disturbi dissociativi
Schizofrenia e altri disturbi psicotici

Progetto Studio Metis

Pubbblicazioni
Testi consigliati
Testi di psicologia per esperti
Testi di psicologia per tutti
Narrativa, saggi e altro

Approfondimenti

Contatti

Links
Benvenuti,
abbiamo realizzato Psicologia in Breve a scopo divulgativo, come strumento per avvicinarsi al mondo della psicologia e per farne chiarezza su alcuni punti; il sito è rivolto principalmente a chi non è del settore e ha bisogno di orientarsi tra le varie proposte che il mondo della “cura” del disagio mentale o del disagio esistenziale (inteso come momento di difficoltà della vita di tutti i giorni) propone.
Questo sito è solo una parte di un progetto a più ampio respiro (vedi Progetto Studio Metis) che si pone l'obiettivo di rendere semplici e fruibili a tutti le conoscenze psicologiche, in modo da poter essere utilizzate da ognuno per migliorare il proprio benessere.

"E’ semplice rendere le cose complicate,
ma è complicato renderle semplici."
(A. Bloch)

Se tante persone cominceranno a stare meglio e ad essere più soddisfatte, nel rispetto di sé e degli altri, anche il mondo in cui viviamo non potrà che essere migliore... e ciò ci permetterà di stare più sereni e tranquilli dando vita a un circolo virtuoso verso un benessere generale.

“Rendere il migliore possibile ogni istante della vita,
da qualsiasi mano del destino ci sia inviato:
in ciò consiste l’arte del vivere.”
(G.C. Lichtenberg)

Abbiamo scelto il nome Psicologia in breve, in quanto si basa sull’assunto che non è sempre necessario che le sofferenze umane, nonostante siano estremamente complicate e magari persistano da molti anni, debbano richiedere altrettanto lunghe degenze e/o complicate soluzioni.
La Psicologia ci può essere d'aiuto, a patto di conoscerla e scegliere l'intervento più adatto a noi e al nostro problema.

“E’ molto più facile proporre mete ideali e astratte
e trovare seguaci entusiasti,
che risolvere i problemi concreti.”
(K. Popper)

Come fare?
Innanzitutto ricordiamoci che il massimo terapeutico è ottenere tanto mediante poco.
Ci sono terapie che ottengono poco e richiedono molti anni; altre terapie hanno maggiori possibilità di successo in pochi mesi.
La Psicologia utile è quella efficace ed efficiente.
Per efficace si intende la capacità dell'intervento di ottenere un cambiamento, la soluzione del problema o un maggior benessere.
Per efficiente si intende la capacità dell'intervento di essere efficace nel più breve tempo possibile.

Sono sani tutti coloro che non sono malati, oltre ad alcuni malati che non sanno di essere sani.
Sono malati tutti coloro che non si sentono sani, più alcuni sani che non sanno di essere malati.
(Giulio Maccacaro)

 
 
Follia e creazione.
Il caso clinico come esperienza letteraria
Pietro Barbetta
Come si presenta il caso, come si scrive, si racconta, come le memorie e le riflessioni autobiografiche, il confronto tra molteplici testimoni, tra diversi stili di scrittura e conversazione, assumono posizioni prospettiche differenti; queste le questioni chiave del libro. L'idea di caso non si limita al caso clinico; si tratta di ridisegnare la riflessione sull'evento (la contingenza) partendo dalla letteratura, immaginare alcune forme del racconto clinico diretto e indiretto per far emergere l'unicità preziosa, spesso dimenticata dalla foga esplicativa, dalla categorizzazione che cancella il singolare. Il libro si presenta anche come una critica radicale ai modi riduttivi del discorso clinico dominante nell'epoca post-moderna, neoliberale, al cinismo scientista nascosto dietro la tecnologia, che emerge nell'intertestualità di pratiche oppressive.