Chi siamo Dove siamo Contatti Homepage

Oggi è il giorno: 22/10/2019
Sono le ore: 02:01:50  
Homepage

Chi siamo
Dott. Faita Alessandro e Dott. Enrico Ongaro

Dove siamo

Modelli teorici di riferimento
Psicoterapia breve stategica
Milan Approach

Informazioni utili
Chi è lo psicologo?
Chi è lo psicoterapeuta?
Codice Deontologico
Interventi
Psicoterapie
Suggerimenti
Benessere

Gli ingredienti del benessere
Le ricette del benessere
Le risposte dello psicologo
Articoli e approfondimenti

Disturbi dell'età evolutiva
Mutismo selettivo

Problemi psicologici
Disturbi d'ansia
Disturbi dell'umore
Disturbi dell'alimentazione
Disturbi del sonno
Disturbi sessuali
Disturbi somatoformi
Disturbi dell'adattamento
Disturbi fittizi
Disturbi del controllo degli impulsi
Disturbi correlati all'uso di sostanze

Disturbi psichiatrici
Delirium
Disturbi della personalità
Disturbi dissociativi
Schizofrenia e altri disturbi psicotici

Progetto Studio Metis

Pubbblicazioni
Testi consigliati
Testi di psicologia per esperti
Testi di psicologia per tutti
Narrativa, saggi e altro

Approfondimenti

Contatti

Links

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca o colore dei vestiti, chi non rischia, chi non parla a chi non conosce. Lentamente muore chi evita una passione, chi vuole solo nero su bianco e i puntini sulle i piuttosto che un insieme di emozioni; emozioni che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbaglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti agli errori ed ai sentimenti! Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l’incertezza, chi rinuncia ad inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta di fuggire ai consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia e pace in sè stesso. Lentamente muore chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia aiutare, chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna. Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli si chiede qualcosa che conosce. Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare! Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.
(P. Neruda).

 
 
Follia e creazione.
Il caso clinico come esperienza letteraria
Pietro Barbetta
Come si presenta il caso, come si scrive, si racconta, come le memorie e le riflessioni autobiografiche, il confronto tra molteplici testimoni, tra diversi stili di scrittura e conversazione, assumono posizioni prospettiche differenti; queste le questioni chiave del libro. L'idea di caso non si limita al caso clinico; si tratta di ridisegnare la riflessione sull'evento (la contingenza) partendo dalla letteratura, immaginare alcune forme del racconto clinico diretto e indiretto per far emergere l'unicità preziosa, spesso dimenticata dalla foga esplicativa, dalla categorizzazione che cancella il singolare. Il libro si presenta anche come una critica radicale ai modi riduttivi del discorso clinico dominante nell'epoca post-moderna, neoliberale, al cinismo scientista nascosto dietro la tecnologia, che emerge nell'intertestualità di pratiche oppressive.